Clicka se ti piace il blog

Clicca MI PIACE se davvero ti piace questo blog

Cerca

venerdì 13 maggio 2016

E' meglio navigare da soli o con equipaggio?

C’è differenza  tra navigare in solitaria oppure con un equipaggio. Qualunque Sia la scelta, si hanno vantaggi e svantaggi.
Andare da soli significa percorrere meno miglia al giorno, a meno che non si faccia vera altura. Per esempio, da solo, io non sarei stato in gradi di fare un’unica tappa da san Nicola (più o meno Palermo) a Gioia Tauro e nemmeno da Vibo Valentia a Salerno. La prima di queste due tappe è durata 27 ore e lka rotta non si è mai allontanata a più di una decina di miglia dalla costa. E ha attraversato punti nei quali un surplus di attenzione era oltremodo necessario: nel canale tra Milazzo e Vulcano e al largo dell’imboccatura dello Stretto di Messina.

Stessa cosa per la tappa Vibo Valentia-Salerno. Qui, è vero, ci siamo scostati un po’ di più rispetto alla terra, ma dovevamo fare i conti con i pescatori che buttano le loro reti anche a più di 15 miglia dalla costa. Ne abbiamo incontrato uno al traverso di Cetraro. Eravamo in piena notte e in pozzetto eravamo in tre. Abbiamo visto un’imbarcazione a poco più di un miglio che ci puntava un faro addosso. Abbiamo acceso il motore, rollato il genoa e preparati a fare una qualche manovra. Dopo un po’ abbiamo visto che quell’imbarcazione era un peschereccio d’altura. Il comandante è stato gentilissimo: motori al minimo ci è sfilato di poppa e ci ha detto che stavamo andando dritti verso una delle sue reti e ci ha chiesto di seguirlo. Sarebbe stato lui a portarci fuori dai casini. Ha visto che la nostra velocità era ui cinque nodi e lui si è adeguato. >Dopo una mezz’ora eravamo fuori. A quel punto ci ha chiamato per radio e augurato una buona navigazione, non senza averci avvertito che a tre miglia davanti a noi c’era un altro peschereccio con un’altra rete. Ci ha dato le coordinate e così noi siamo passati al largo e quel peschereccio non l’abbiamo neppure visto.
Ecco, se avessi navigato da solo e mi fossi anche solo appisolato, probabilmente sarei finito nei pasticci. Ma eravamo in tre e tutti svegli (proprio perché eravamo in tre e tutti animati dalla voglia di cazzeggio) e la cosa è finita con un allungamento irrisorio della rotta: tre miglia su 145. Nulla.
Un altro innegabile vantaggio della navigazione con equipaggio, oltre a poter dormire qualche ora, è quello che si lavora meno, sia quando si è in rotta sia quando si va all’ormeggio. Un buon equipaggio – che non deve essere necessariamente esperto – è importante per chi, come me, è malato di pigrizia cronica e, magari, ha anche qualche acciacco poco piacevole.. Poi – e qui parlo del mio meraviglioso equipaggio, Mario e Stefano – se a bordo c’è uno che oltre a saper governare la barca è anche un mago dei fornelli, capite che si viaggia davvero col vento in poppa.
Ma allora, dirà qualcuno, dove stanno i lati negativi? Se Giovanni non si chiamasse Giovanni, probabilmente direi che lati negativi non ce ne sono. Ma siccome Giovanni si chiama Giovanni, qualcuno c’è. C’è, per esempio, che le rotte vanno programmate con i compagni di viaggio. Per esempio, mentre eravamo in rotta tra Gioia Tauro e Maratea (previste una ventina di ore di navigazione) ci siamo beccati una bella burrasca che ci ha portati a cambiare programma. Avremmo potuto continuare in piena sicurezza,a davanti a noi avevamo almeno altre tredici ore e il solo pensare di stare con quel vento a 30 nodi e onde frangenti di prua per tutto quel tempo, mi ha costretto a cambiare rotta. Avrei preferito fare una quindicina di miglia e atterrare ad Amantea, ma la direzione del porto che abbiamo contattato ci ha detto che non c’era fondale sufficiente per la nostra Horus. Ci ha suggerito Cetraro, ma eravamo a più di 50 miglia. Un’occhiata alla carta nautica e decido di fare un’inversione ad U e puntare su Vibo Valentia. Lì sapevo che mare e vento erano più clementi e che comunque il disagio non sarebbe durato più di 4 ore. Ne ho parlato con Mario e Stefano, ma poi la decisione l’ho presa io. Assumendomene la responsabilità.
E’ così che si fa quando si comanda una imbarcazione, che sia piccola come piccola è Horus, o che sia un enorme transatlantico. Ecco, viaggiare con un equipaggio significa avere la responsabilità anche delle loro vite e, perché no?, anche del loro disagio.
Quando si è soli si decide molto più in fretta e spesso si fanno anche scelte diverse. Non si ha supporto in nulla. Quando eravamo in tre, per esempio, spesso ero in cabina a scrivere le mie minchiate. Tanto, anche da sotto, ero in grado di percepire se il vento rinforzava o il mare stava per ingrossarti. In quattro anni che vivo nella pancia di Horus ho imparato ad apprezzare ogni minimo movimento della barca, manco se fosse una mia seconda pelle. O forse lo è. Con mare brutto e se si è soli, si mangia freddo. In equipaggio, invece, c’è sempre qualcuno che sa stare ai fornelli anche se la barca, come è capitato a noi, sembra stare in una pentola a pressione.
Da soli, però, si è davvero padroni del proprio tempo. E questo, per me, è libertà. Certo, vista l’esperienza meravigliosa – dal punto di vista marinaresco che da quello umano – che ho fatto con Mario e Stefano, qualche dubbio sulle navigazioni in solitario mi viene. Non ho remore nel dire che mi mancano, ma adesso che sono di nuovo solo non so se mi manca l’equipaggio o se mi mancano le persone.

Avrò tempo per pensarci.

Se volete, qui sotto ci sono dei pulsantini per condividere questo post sulla vostras pagina Facebbok o sul vostro Twitter